Lettere da fan per seguire le sue orme: ma lei è molto malata.

La storia della 39enne Valeria Levitin è allo stesso tempo scioccante e triste. La donna, originaria della Russia, vive adesso a Monaco (in Germania) e, a causa dell'anoressia, la sua vita è tutto tranne che normale. Alta 1,70 m, Valeria pesa 23 chilogrammi - mentre il peso medio per una donna della sua altezza dovrebbe oscillare tra 60 e 70 kg.

I disturbi alimentari di Valeria sono iniziati quando era molto giovane. Quando era una bambina, la madre le controllava severamente il cibo per evitare che diventasse grassa come gli altri parenti. Alla tenera età di 6 anni, Valeria era già a dieta.

La sua famiglia si era appena trasferita a Chicago e Valeria aveva paura di farsi nuovi amici a scuola. Voleva perdere peso, pensando che sarebbe piaciuta di più agli altri se fosse stata snella.

 

La prima cosa, era stata quella di smettere di mangiare zuccheri e carboidrati - ma non bastava. Un giorno poi, mentre Valeria stava guardando una partita di calcio con degli amici, qualcuno aveva detto qualcosa che l'aveva ferita profondamente: "Io so come possiamo vincere. Basta mettere il cu**ne di Valeria in rete!". Si trattava di uno scherzo crudele e di cattivo gusto, che avrebbe avuto forti ripercussioni sulla ragazza.

In realtà, Valeria aveva un corpo nella norma, considerando il peso e la sua età. Indossava una taglia 42, certo era più "robusta" di altre ragazze della scuola, ma era perfettamente in salute. Non certo sovrappeso.

All'età di 23 anni, Valeria indossava ormai una taglia 36 e anche se era decisamente magra, era ancora troppo "grassa" per il mondo della moda.

Ormai la ragazza aveva un disordine alimentare molto forte, tanto da non riuscire a fermare i suoi atteggiamenti autolesionisti. Sapeva di avere bisogno, era andata da ben 30 specialisti per superare il problema, ma tutto sembrava invano. L'anoressia governava la sua vita.

Il suo corpo era diventato così debole, e doveva prendere delle medicine speciali per arginare i lividi che le venivano anche al minimo urto. Valeria aveva paura di poter collassare da un momento all'altro. E nel suo stato, una caduta avrebbe potuto causare la rottura di molte ossa.

E Valeria non soffriva solo fisicamente, la sua anoressia nervosa aveva reso la sua vita molto solitaria. Non era in grado di tenere relazioni e fare cose che le sue coetanee amano fare. Aveva iniziato a mangiare meno per essere accettata dagli altri, ma aveva finito per essere meno attraente e decisamente più sola.

E le brutte notizie non erano certo finite. A un certo punto, la ragazza ha iniziato a ricevere "lettere da ammiratrici" che le chiedevano quale fosse il suo segreto per avere quel peso. Ed è stato proprio in questo momento, che Valeria ha capito di dover dare sentire la sua voce. Non avrebbe aiutato altre donne a morire. Ecco perché ha iniziato una campagna di sensibilizzazione sull'anoressia e i suoi pericoli.

D'altra parte Valeria non si era arresa neanche per la sua di condizione, voleva tornare ad avere una vita e realizzare quello che era il suo sogno da sempre: avere un bambino. Sperava che questo desiderio l'avrebbe motivata a superare le difficoltà.

Purtroppo, gli anni di malattia, avevano cambiato e danneggiato severamente il suo corpo. Anni di cattiva nutrizione, le avevano inoltre fatto sviluppare molte intolleranze alimentari. Aveva anche difficoltà a digerire ormai.

La storia di Valeria è un esempio perfetto di quanto sia pericolosa l'idea di avere un "corpo perfetto". In un mondo in cui siamo bombardati da immagini femminili poco realistiche, ci si dimentica spesso di quanto possa essere pericoloso entrare nella spirale dell'anoressia e dei disturbi alimentari. Mangiare bene e condurre una vita sana, sono le chiavi per avere un corpo bello e forte. Se si incontrano difficoltà ad accettare il proprio corpo, ci si dovrebbe sempre rivolgere a degli specialisti, per essere supportati in un percorso che non fiacchi il nostro corpo, come nel caso di Valeria. Quello che ci auguriamo è che lei sia ancora in tempo.

Fonte:

dailymail

Commenti

Anche Per davvero