Dopo 69 anni di matrimonio si sdraiano insieme e muoiono. Ma quando guardano la mano dell’uomo non possono trattenere le lacrime.

In un'epoca in cui il numero di divorzi è in crescita costante e le persone si conoscono online grazie a complessi algoritmi, a volte si ha la sensazione che l'amore eterno non esista più. La storia di Isaac e Teresa Vatkin racconta, invece, tutto il contrario...

Isaac era nato in Uruguay nel 1926, ma, in giovane età, si era trasferito con la famiglia in Argentina. E proprio in questo Paese, per la precisione a Mar del Plata, era nata Teresa, nel 1928. I due si erano incontrati a una festa nel 1945 e si erano innamorati. Si erano sposati due anni dopo.

La vita matrimoniale era stata fantastica: avevano avuto 3 figli e, nel 1968, aveva preso la difficile decisione di trasferirsi all'estero. Erano andati a vivere a Chicago (Stati Uniti): a 42 anni, Isaac si era trovato costretto ad imparare una nuova lingua, l'inglese.

L'uomo aveva aperto un ristorante fast-food, facendo del suo meglio per garantire un futuro più roseo alla sua famiglia. Uno dei figli ricorda: "Non hanno mai avuto una casa grande, o si sono concessi dei lussi. Tutti i loro soldi sono stati spesi per la nostra istruzione".

A un certo punto, quando aveva 80 anni, a Teresa era stata diagnosticato l'Alzheimer. Isaac aveva iniziato a nutrirla, lavarla, in poche parole a vivere per lei. Non si era mai dato per vinto, nonostante la sua età, aveva fatto del suo meglio per far star bene la moglie. Aveva persino cercato informazioni su Internet, sebbene sapesse a malapena accendere un computer...

Gli anni erano passati e Teresa era stata ricoverata in una casa di riposo, dove poteva essere assistita più accuratamente - e Isaac le faceva visita ogni giorno. 

Quando poi, all'età di 91 anni, Isaac si era ammalato a causa di una forte influenza, Teresa aveva avuto una polmonite. I due erano stati ricoverati in un ospedale di Chicago. I figli sapevano che probabilmente non ne sarebbero usciti vivi, e avevano deciso di tenerli nella stessa camera. Uno di loro aveva intrecciato le dita delle loro mani. E nessuno dei due aveva lasciato la presa, fino alla fine. 

Teresa aveva aperto gli occhi, aveva guardato uno dei figli per l'ultima volta e si era spenta. Qualche minuto dopo, i medici l'aveva spostata dal fianco del marito. E, quasi che lui ci avesse fatto caso, il suo respiro si era accorciato ed era morto poco dopo. Era rimasto al mondo senza la moglie per soli 40 minuti. 

Figli e nipoti, nonostante il dolore della perdita, sapevano che i due non avrebbero potuto starsi lontani. Avevano trascorso 69 anni l'uno al fianco dell'altra: "fino a che morte non vi separi", è proprio il caso di dire. 

Fonte:

upsocl, infobae

Commenti

Scelti per voi